Media Bianco

video overlay
  • 96
  • 1
  • 0
Condividi
Acquista

Acquista media

Acquista singolo contenuto multimediale

Bianco 01:13:48

Costi: 1,99 euro

Sarà disponibile per 72 ore

Acquista abbonamento

Accesso Ampio al Portale

Abbonati per il periodo di tempo indicato

  • Nome
  • Periodo di tempo
  • Prezzo
  •  

Italy, 2011, HD - Color - 73'
Directed by Roberto Di Vito
Cast: Igar Mattei, Massiniliano Fedeli, Giovanni Piccirillo
Troupe
Direttore di fotografia e operatore: Marina Kissopoulos
Assistente operatore e operatore Tommaso Javidi
Aiuto operatore: Anna Coppola
Fonico di presa diretta: Vittorio Melloni
Segretaria d’edizione: Francesca Cordiale
Aiuto regia Nannette Del Carmen
Assistenti regia e al set: Maria Lucas Giuseppe Grillo
Costumista e scenografa: Valentina Troisio
Elettricista, Macchinista: Gianfranco Liberto
Effetti speciali, Trucco, Attrezzista Marco Brinci
Musiche registrate presso: Studio Moretti di Franco Moretti,
Sentieri musicali di Vincenzo Sulpizio
Fornitore materiale : Cartocci
Sound designer Claudio Marani - DG Media
Mix: Gabriele Gubbini Sound on studios Srl
Montaggio: Lorenzo Pazzi
Musiche: Roberto Di Vito
Collaborazione alla sceneggiatura: Roberto Agostini e Antonio Prisco
Scritto diretto e prodotto da: Roberto Di Vito
Durata e anno: 74 min. - Prod. 2011
Formato proiezione: 16 / 9 – 1280 x 720 – 1:77
Suono Stereo S/R

Categorie: Thriller, Horror
Synopsis: Un brutto risveglio in un “limbo” bianco. Riflessioni coperte da bende bianche. La scoperta di essere in una prigione. Attesa di eventi. Un rapimento assurdo. Un senso di solitudine. Nostalgia d’amore. La ricerca di una serenità agognata in luoghi lontani. Sogni, ricordi, rimpianti, incubi. Rifiuti, attese, cattiverie. Voglia e paura di partire. Tutto immerso in un muro bianco.
Mostra di più

1 Commenti

Per il critico Anton Giulio Mancino: «Non è facile imbattersi nel panorama asfittico delle
opere prime, molte delle quali terribilmente omologate, in un film come quello di Roberto
Di Vito, così attento ai valori plastici e figurativi della composizione, della messa in quadro
geometrica e rigorosa di ossessioni visive ed esistenziali, tali da renderlo, al di là del
pretesto narrativo, particolarmente adatto ad esplorare i territori del fantastico, da decenni
assai poco proficuamente praticati nel cinema italiano» di Anton Giulio Mancino ("La
Gazzetta del Mezzogiorno", "Cinecritica", “Cineforum")

18 novembre 2017 20.08.24 CET

Video CMS powered by ViMP (Professional) © 2017, 2016, 2015, 2014, 2013, 2012, 2011, 2010